Home / Massaggio / Vasca idromassaggio, consumo d’acqua aspetto da non sottovalutare

Vasca idromassaggio, consumo d’acqua aspetto da non sottovalutare

Se avete spazio e possibilità installare una vasca idromassaggio è diventato con il tempo il desiderio di tantissime persone. Nonostante ciò, una cosa che in tanti trascurano è sicuramente il consumo d’acqua che a nostro modo di vedere non va per nessuna ragione al mondo sottovalutato. Ecco tutto ciò che c’è da sapere in merito.

Vasca Idromassaggio: come funziona?

Un vasca idromassaggio è perfetta per rilassarsi in tutta serenità a casa. Un idromassaggio è una vasca d’acqua calda dotata di bocchette idromassaggianti. L’acqua viene di continuo filtrata, tenuta costantemente alla stessa temperatura, e messa a pressione dalle bocchette massaggianti. Per poter usufruire di tutti i benefici di questo eccellente benessere sempre più ricercato servono molte tecnologie, ovvero:

Riscaldatore elettrico che riscalda e tiene l’acqua alla stessa temperatura – regolabile da 25 a 40 gradi. La potenza del riscaldatore è espressa in Watt ed è perfettamente proporzionata al volume d’acqua che si deve scaldare;
Una pompa di filtrazione consente di aspirare e di rigettare l’acqua all’interno della vasca. E’ caratterizzata da un prefiltro, da un corpo della pompa e da un motore;
Filtri, sotto forma di cartucce, che inseriti interamente nel circuito della pompa consentono di rigettare acqua completamente pulita. I modelli con maggiori dimensioni sono dotati di un filtro a sabbia;
Uno skimmer è in grado di pulire la superficie dell’acqua e raccoglie capelli e altri tipi di impurità;
Pompa per il massaggio, chiamata anche con il nome di booster, alimenta di continuo i getti d’acqua;
Pompa per le bolle, conosciuta anche come blower, produce delle piccole bolle d’aria all’interno della vasca. E’ consigliato integrare un sistema di riscaldamento dell’aria in modo che le bolle non raffreddino l’acqua;
Bocchette idromassaggianti a pressione e vari getti per riuscire ad ottenere massaggi dagli effetti diversi.

Logicamente in base alle grandezze della vasca idromassaggio e al volume complessivo dell’acqua che bisogna trattare possono servire due pompe. In poche parole, più è grande la vasca più ci sarà bisogno di acqua e questo non gioverà assolutamente sulla bolletta.

Guarda Anche

Oroscopo dei Libri – dal 24 al 30 giugno

MILANO – Mercoledì 27 giugno Mercurio entra nel segno del Leone, ora i pensieri si fanno …